Quanto incide lo stress sulla tiroide?

In questo articolo troverai:

Quanto incide lo stress sulla tiroide?

In questo articolo voglio parlarti di quanto incide lo stress cronico sulla funzionalità della tiroide.

 

Se portato all’esasperazione quotidianamente tutti i giorni, nei mesi e negli anni ci porta ad ingrassare e quando siamo stressati effettivamente ingrassiamo.

 

La tiroide produce ormoni importanti per il nostro metabolismo,  tra i quali il t4, inattivo, e il T3 attivo.

 

Questo aumenta l’ossigeno disponibile a livello dei mitocondri cellulari, il che significa più capacità di bruciare i nostri grassi.

 

Grazie all’ossigeno i mitocondri convertono l’energia il glucosio quello che mangiamo, ma in realtà anche gli amminoacidi, i grassi si possono convertire in energia. Quindi più mitocondri abbiamo presenti nell’ organismo, quanto più il metabolismo basale è alto, quanto più energia riuscirò ad avere consumando più grassi.

 

La funzione della tiroide è quello di velocizzare e potenziare la nostra attivazione metabolica.  Il cortisolo fa parte invece di un asse che parte sempre dal cervello, chiamato asse ipotalamo ipofisi surrene.

 

La ghiandola del surrene produce il cortisolo non solo quando vi è presente uno stress ma anche quando siamo infiammati.

 

Devi sapere che quest’altro ormone ha un’azione antinfiammatoria e segue un ritmo circardiano di produzione più alta al mattino, tra le 5 e le 9, orari nei quali la produzione è al massimo e poi tende gradualmente a scendere.

 

La nostra biochimica si è evoluta sulla base di persone che non avevano il frigorifero a casa con la dispensa per poter mangiare, ma ci dovevamo svegliare e andare a cacciare per procurarci il nostro cibo. 

 

Quindi cosa succede quando ci attiviamo?

 

Con un aumento di cortisolo avviene la scissione del glicogeno in glucosio che mi serve per poter avere energia, per muovermi, poi man mano verso la sera questo si abbassa.

 

Così aumenta di contro la serotonina che diventa melatonina e andiamo a dormire serenamente. Il problema è che oggi, soprattutto dopo i 40 anni,  non è più così scontato e così lineare perché quotidianamente ci troviamo sotto stress.

Puoi essere stressato per una corsa che ami, per un evento traumatico o altri episodi giornalieri.

Ognuno di noi è diverso, reagiamo a stress e stimoli differenti in diverso modo e quando lo stress diventa cronico per vari motivi ci porta ad innalzare cronicamente i livelli di cortisolo e quindi a liberare questa grande quantità di energia potenziale che entra in circolo. Tutto quel cortisolo andrà a portare zuccheri nel sangue “rifiutati” dalla cellula muscolare e che e si trasformano in grasso, soprattutto aumentando la circonferenza vita. Quel grasso viscerale e pericoloso per la nostra salute è collegato l’infiammazione, che contribuisce ai picchi di insulina.

Ecco qui il segnale alla nostra tiroide: avviene la conversione del T4 (inattivo) in Reverse T3 invece di T3 (ormone attivo).

Il reverse T3 a livello biochimico “rallenta” la tiroide che si traduce in meno energia per tutto il corpo e diminuzione dell’attività bruciagrassi. Qualche studio interessante sull’argomento lo trovi qui. 

Mi sento stanca, non voglio uscire per andare a fare movimento, per andare a camminare e  così stai a casa a letto, ti rilassi.. 

Questo è il messaggio biochimico che questo stress cronico; alla fine ci porta a dire, prima di andare esaurimento, che cosa dobbiamo fare, ovvero rallentare i ritmi. Nel contempo, vista la scarsa informazione che gira sul web, le vendite di magnesio e di polase schizzano alle stelle perché “siamo tutti stressati”, perchè dobbiamo mantenere le nostre prestazioni psico fisiche sempre al top, sempre ad altissimi livelli, e allora “compensiamo” con magnesio e potassio, sali minerali, eccitanti vari etc.  In realtà stai ingrassando perché ti stai stressando e stai bloccando  la tua tiroide. Riflettiamo su questo. Basterebbe intevenire sul nostro stile di vita, respirare e mangiare nella maniera corretta, questo è importante.

Facciamo sport, mettiamoci in mano ad professionista del campo che conosca bene quello che provi e che sia in grado di stilare un programma di allenamento adatto alla tua vita. Dai un’occhiata qui ai nostri percorsi e alle testimonianze delle persone che hanno trovato un equilibrio definitivo.

FITNESS 40+ PROGRAM

Cerchiamo di farci scivolare di dosso i problemi che non dipendono da noi, e mangiare in modo sano e bilanciato è importante perché il cortisolo viene attivato anche dall’alimentazione. 

All’interno dei nostri percorsi di rinascita abbiamo persone che hanno riattivato la funzionalità metabolica tiroidea seguendo passo passo le tecniche all’interno dei nostri protocolli scientifici adattati a chi soffre di una tiroide pigra.

 

Trovi nel nostro portale anche qualche testimonianza video di quello che sto dicendo. Noi tendiamo, con l’ingestione di metalli pesanti, a creare una carenza di antiossidanti naturali che il nostro corpo produce e l’accumulo di questi favorisce l’invecchiamento, la ridotta produzione d’energia e la difficoltà a svegliarsi la mattina carichi.

Sul nostro blog trovi anche altri articoli interessanti su come iniziare un percorso di rinascita in presenza di un metabolismo rallentato a causa della tiroide, anche se come ti ho appena spiegato la reale sorgente del problema risiede nelle abitudini negative che ci portiamo dietro da anni.

Condividi questo articolo sui social e nei gruppi dove ci possono essere persone che hanno necessità di uscire da quel loop di vita che le ha portate negli anni ad ingrassare, entrare in depressione ed invecchiare precocemente.

 

dr. Davide Teggi

nutrizione e movimento anti aging / docente AIF

co fondatore di Fitness 40+

 

Leave a Comment