Una dieta composta da cibi sani con porzioni adeguate ed una serie di esercizi fisici mirati sono la ricetta ideale per ridurre, dove possibile, i farmaci che stai prendendo.

 

curareipotiroidismo
curareipotiroidismo

 

Curare l’ipotiroidismo dopo i 40 anni con gli esercizi giusti permette a chiunque soffra di questa patologia di alzare immediatamente la propria qualità di vita e ritornare a piacersi fin da subito.

Sì, hai letto bene.

La ricetta che ti sto elencando qui sotto ha un sapore di magia naturale e forse fino ad oggi nessuno ti ha mai spiegato come funziona questo approccio funzionale alla malattia.

Se sarai in grado di introdurre nella tua routine settimanale questi accorgimenti riuscirai in poco tempo a curare l’ipotiroidismo e riuscire a  perdere peso facilmente come prima. 

Cos’è l’ipotiroidismo?

Se ne sentono e se ne leggono di tutti i colori sul web e oggi insieme a te voglio fare carezza sulle caratteristiche di questa ‘condizione’.

Già, trovo parecchio azzeccato questo termine: condizione. Perchè parliamo di una vera e propria conseguenza di avvenimenti che accadono per un malfunzionamento della tiroide che determinano un calo nella produzione di ormoni tiroidei che rallentano le funzioni vitali e quotidiane del tuo sistema metabolico.

Come diagnosticarlo?

Uno degli ormoni più importanti del corpo umano è il TSH (o tireotropina) prodotto dall’ipofisi e la produzione degli ormoni tiroidei da parte della tiroide.

Quando quest’ultima va in deficit produttivo il tsh sale e se supera il livello 5 (la medicina funzionale determina come soglia 3, indice “predittivo” del problema) si accende il campanello di allarme e l’analisi dei livelli bassi di T3 libero e T4 offrono al medico un quadro generale per associare questi numeri ai sintomi del paziente. 

Quali sono i suoi sintomi?

Sono silenti anche perchè si sviluppa con una certa lentezza e soprattutto possono confondersi con periodi di overtraining, depressione o carenze alimentari. In generale l’esordio della malattia avviene con i seguenti sintomi associati:

  • stanchezza
  • mal di testa
  • capelli e pelle secca
  • affaticamento
  • perdita di memoria
  • difficoltà a perdere peso
  • intolleranza al freddo
  • ipercolesterolemia
  • stipsi
  • viso e occhi gonfi
ipotiroidismo
ipotiroidismo

Anziani e donne sono le categorie più colpite, ma la condizione clinica è possibile che si presenti in chiunque.

La tiroide di Hashimoto (e qui puoi leggere cosa sia) indica nella lenta e inesorabile distruzione della tiroide la causa di questa condizione così limitante, ma tiroiditi, infezioni o virus, tumori e soprattutto carenze di iodio possono portare a condizioni anche transitorie di ipotiroidismo.

L’asportazione chirurgica della tiroide, nei casi più gravi, porta ad una subordinazione a vita all’utilizzo di farmaci per la produzione di ormoni tiroidei, ma le tecniche che sto per spiegarti in questo articolo possono permetterti di aiutare il tuo metabolismo in modo naturale e sano.

Qual È il suo trattamento?

Prima di dirti come curare l’ipotiroidismo dopo i 40 anni  con gli esercizi voglio dirti in cosa consiste il trattamento farmacologico della malattia.

Il trattamento della medicina tradizionale inizia con piccole dosi di ormoni tiroidei perché dosi troppo alte possono causare all’inizio gravi effetti collaterali. Se l’ipotiroidismo non viene trattato nei tempi e con la posologia corretta diventa impossibile perdere peso, sie entra in un tunnel di non ritorno ed oltre a peggiorare il rapporto con il proprio corpo si arriva piano piano a non riuscire più a fare nulla.

Generalmente l’assunzione di una pillola giornaliera sembra bastare per ridurre gli effetti della malattia, ma il vero problema è convivere tutta la vita con l’introduzione di veleno (sì, perchè i farmaci hanno effetti devastanti su tutto il corpo) quotidiano che porta poi ad una ridotta sensibilità ed a dover aumentare la dose.

Ipotalamo, ipofisi e tiroide: tre ghiandole amiche per la pelle

L’ipotalamo produce il trh, ormone che stimola l’ipofisi che a sua volta produce il tsh che stimola la tiroide alla produzione degli ormoni “metabolici”. 

A livello ipotalamico lo stimolo arriva grazie alla leptina, un ormone prodotto dal tessuto grasso e che “chiede” un aumento del dispendio energetico abbassando l’introito calorico. 

È quindi la leptina che da una scossa al metabolismo, ci permette di mangiare tanto e quello che vogliamo per darci energia per muoverci.

Hai capito dove voglio andare a parare?

Lo stimolo a feedback continuo che parte dalla leptina permette una riattivazione necessaria al nostro corpo per bruciare di più.

Ora ti sto per aprire un mondo che fino ad oggi era per te sconosciuto. Quello che ti ho detto poco deve farti riflettere pensando alle diete troppo restrittive ed inutili che potrebbero essere le dirette responsabili del tuo ipotiroidismo e del tuo aumento di peso. 

Se mangi poco, fai digiuni troppo prolungati, se i cibi che mangi sono di cattiva qualità e soprattutto se stata per troppo tempo sedentaria senza muoverti è classico che il tuo corpo abbia “rallentato” la produzione ormonale a livello tiroideo ed il tuo metabolismo si sia abbassato. 

Il corpo umano è intelligente ed interpreta queste privazioni che vengono dall’esterno come periodi di carestia, cercando il più possibile di conservare il grasso e facendo di tutto per non perdere peso.

Oggi quindi voglio spiegarti le pratiche naturali che devi fin da subito mettere in atto per ridurre o addirittura eliminare la via dei farmaci e riportare il tuo metabolismo in pieno asse metabolico ottimale.

Usa queste strategie per far ripartire il tuo metabolismo e riuscire a riprendere in mano la tua vita velocemente! 

dietaantiinfiammatoria
dietaantiinfiammatoria

Mangia bene e tanto 

Avendo a che fare con un metabolismo dormiente dopo tutti i segnali sbagliati che gli hai inviato in passato riattiva l’asse ipotalamo-ipofisi-tiroide con pasti ricchi di carboidrati integrali, proteine dall’alto valore biologico e grassi insaturi. Devi subito costringere il tuo metabolismo a mettersi in moto!

Evita zuccheri e farine raffinate industriali: aumentano i livelli di insulina  disturbando il flusso ematico di letpina. Hai capito finalmente come funziona?

Secondo il Linus Pauling Institute della Oregon State University, gli alimenti con un elevato carico glicemico (come prodotti a base di cereali raffinati e bevande zuccherate) possono aumentare le infiammazioni e stressare il nostro corpo.

 

Mangia più alimenti “anti-infiammatori”

 

Gli alimenti anti-infiammatori possono aiutare ad alleviare i dolori e i dolori articolari e la depressione, che possono derivare dall’ipotiroidismo ed aiutare nel curare l’ipotiroidismo dopo i 40 anni con gli esercizi giusti .

 

“I cibi anti-infiammatori possono aiutare il sistema immunitario, che è spesso in sofferenza nelle persone con ipotiroidismo” afferma Tina Beaudoin, presidente della New Hampshire Association of Naturopathic. 

“Una dieta antinfiammatoria può aiutare anche in una detossificazione del fegato dalla spazzatura che gli arriva tutti i giorni dai farmaci che prendi per l’ipotiroidismo: la funzionalità epatica sana è essenziale perché il fegato ed è responsabile della conversione del 60% di T4 [l’ormone tiroideo tiroxina] in T3″, spiega Beaudoin.

Verdure a foglia verde, pomodori, pesce, noci, frutta e olio d’oliva sono tutti ottimi alimenti per combattere le infiammazioni. 

Fai pasti frequenti

L’ipotiroidismo rallenta la funzione digestiva e fare pasti non troppo pesanti con una ripartizione dei macronutrienti carboidrati,proteine ​​di qualità e grassi sani aiuta a non appesantire il tubo digerente permettendoti di rimanere più attivo durante il giorno.

Traccia gli alimenti

Per curare l’ipotiroidismo dopo i 40 anni ed avere un regime alimentare ideale stila un diario alimentare per monitorare l’assunzione di macronutrienti corretti in termini di calorie ingeriti e di ripartizione nelle giuste quote.

Quindi come posso curare l’ipotiroidismo dopo i 40 anni  con gli esercizi giusti?

L’esercizio fisico è la ciliegina sulla torta per lo sblocco definitivo del metabolismo e per ridurre i farmaci che prendi per l’ipotiroidismo.

Se una persona è già particolarmente stressata l’esercizio fisico può ulteriormente peggiorare la situazione: va fatto e trattato esattamente come un farmaco naturale nella modalità e nella quantità ideale e se leggerai fino in fondo questo articolo scoprirai quale sia

Allora qual è l’esercizio fisico ideale quando soffri di ipotiroidismo?

Diciamo che quando la  malattia è in fase acuta, ovvero quando i sintomi sono particolarmente evidenti ed importanti, l’esercizio dovrebbe essere limitato parecchio o addirittura sospeso, per evitare di peggiorare la situazione.

Devi sapere che gli allenamenti migliori ed i più adatti nelle persone che soffrono di ipotiroidismo sono tutte le metodologie di interval training (esercizi muscolari ed aerobici in successione con e senza riposi) ad altà intensità che stimolano il massimo consumo d’ossigeno e di grassi nel post esercizio. 

L’esercizio fisico, a differenza di un individuo senza particolari problemi, non deve essere però troppo stressante ed invasivo. Per questo motivo l’attività sportiva andrebbe comunque ridotta sia in termini di lunghezza della seduta sia in termini di numero di workout settimanali. 

In questa condizione clinica lo stress gioca un ruolo fondamentale; pertanto un’attività fisica troppo pesante potrebbe provocare uno squilibrio ormonale ulteriore. 

Sai cosa potrebbe accadere? Che tutti i muscoli che stai riattivando e portando ad uno stato maggiore di tonicità potrebbero venir mangiati da un’eccessiva produzione di cortisolo che impedirebbe la costruzione anabolica muscolare.

Evita sedute infinite di esercizio aerobico sul tapiroulant o andando a correre tutti i giorni: non servono nella tua condizione perchè devi lavorare sullo sblocco metabolico e la riduzione del grasso corporeo avverrà con il miglioramento del rapporto massa magra  massa grassa.

Mettendo muscoli brucerai di più a riposo quindi privilegia esercizi muscolari come lo squat, il burpee, lo stacco da terra, le trazioni. Questi mezzi d’allenamento, coinvolgendo tanti muscoli nello stesso istante, ti permetteranno di bruciare più calorie durante l’attività sportiva per curare l’ipotiroidismo dopo i 40 anni con gli esercizi giusti .

Quindi ti do il via libera ad un approccio multisportivo per quanto riguarda l’esercizio fisico da fare, ottima la ginnastica funzionale e tutte le attività che coinvolgono esercizi che stimolano più muscoli insieme. 

Essendo lo stress molto importante da gestire in questa patologia segui attività come lo yoga, il pilates, la meditazione: sono discipline che riescono a far ottenere risultati di completa efficienza fisica  perché agiscono sulla componente muscolare per un controllo corporeo globale sia sulla componente emotiva-emozionale. 

Quello che voglio che tieni presente è che, se una seduta come ti ho spiegato per una persona sana va bene che duri un’ora, nel caso di ipotiroidismo e di fitness-terapia andare oltre i 30-40 minuti potrebbe sortire l’effetto contrario.

Le nostre tabelle d’allenamento per persone che soffrono d’ipotiroidismo prevedono esercizi che reclutano tanti gruppi muscolari con un volume modesto in termini di tempo che ci permette di fare sedute medio-corte.

Con loro effettuiamo periodi con settimane di scarico dove riduciamo ancor di più il volume e l’intensità, per non incappare in un effetto dannoso invece che proficuo sulla salute.

Parola d’ordine: non esagerare!

eserciziofisicoipotiroidismo
eserciziofisicoipotiroidismo

La maggior parte dei nostri clienti risolvono in due tre mesi il problema e ritrovano un asset metabolico per tornare al peso forma.

Esercizio fisico, gestione dello stress ed alimentazione anti-infiammatoria rappresentano il trinomio perfetto per abbassare le dosi farmacologiche nel trattamento dell’ipotiroidismo.

Dovrebbe fin da subito essere preso in considerazione come l’approccio funzionale ideale che ribalta il modo di vedere la medicina come un palliativo rispetto alla risoluzione completa della modificazione dello stile di vita.

E’ chiaro che per risolvere il problema la via più giusta è quella di essere seguiti dai nostri coach a tutto tondo per avere dei programmi ritagliati (per questo abbiamo creato FITNESS 40+ PROGRAM) su misura sul tuo somatotipo fisico.

Se ti è piaciuto questo articolo e pensi che possa aiutare qualcuno al quale vuoi bene condividilo sui social, potrebbe ringraziarti presto per questo!

Seguici sui social, pubblichiamo costantemente contenuti di valore e LIVE interessanti su dieta, allenamento e mindset mentale vincente per tutte quelle persone che vogliono migliorare la loro forma psicofisica dopo i 40 anni.

 

Leave a Comment